The Vicomte De Bragelonne Opens An Epic Adventure Which Continues With Louise De La Valliere And Reaches Its Climax In The Man In The Iron Mask This New Edition Of The Classic Translation Presents A Key Episode In The Musketeers Saga, Fully Annotated And With An Introduction By A Leading Dumas Scholar


10 thoughts on “The Vicomte de Bragelonne (The DArtagnan Romances, #3.1)

  1. says:

    The sprawling three thousand page saga of the Four Musketeers is the meerschaum pipe of adventure literature Although it first attracts attention by its intricately carved detail, it is even remarkable for the way it ages, for it reveals a rich range of colors as it progresses, each darker and interesting than the one before Twenty Years After created a world cynical, and heroes less intrepid and less unified, than that youthful romp The Three Musketeers, and now, Ten Years Later as one of the volumes of this two thousand word serial continuation is sometimes called the world revealed is even darker, and the cautious heroes self involved, than before The nature of the world is most clearly shown by the characters of its royal ministers The cowardly and miserly Mazarin, who replaced the Musketeer s fierce enemy the fearless and generous Richelieu, has become cowardly and miserly than before, and is soon replaced by the two rival ministers Fouquet and Colbert who are concerned not with statecraft but with finance n addition, of course to gaining ascendancy over one another The musketeers all in their late forties or fifties have grown cautious as well Athos strives to create a career for his son Raoul the Vicomte of the title , Baron Porthos wishes to further his position in society, Bishop Aramis engages in deeper, inscrutable politics than before, and even D Artagnan wearies of being a musketeer, discouraged by years of thankless service, disappointed in his callow young king, and most important of all worried about his lack of money for a comfortable retirement It is money not love or adventure or bravery that makes this world go round.And yet there are adventures and bravery here, and a little love too D Artagnan and Athos accomplished great things for the exiled Charles II of England, and D Artagnan with the assistance of Raoul battles rioters in the Paris streets Characteristically, though, this last heroic deed is also about money D Artagnan has become a landlord, and the rioters are trying to burn his building down Also, Raoul and Louise are attractive young lovers But though Raoul is noble and Louise is charming, we somehow sense that in this darkened world such love is doomed to fail Twenty Years After moves slowly than The Three Musketeers, and The Vicomte de Bragelonne is slower still But like a meerschaum its coloring is rich and varied I have decided to continue with the saga After all, there are only about thirteen hundred pages left to go.


  2. says:

    In case I haven t made myself perfectly clear, I am 10000% obsessed with this series.The Musketeers are officially my bros, and when I read about them I imagine them as friends, which means I feel their experiences that much significantly I laugh out loud, I grin, I gasp, I tear up, I bite my lip and I m pretty sure if I had a mustache I would twist it This series gives me a very serious case of feelings.I feel sad when I think of how many people never make it this far into the series Granted, we re getting pretty political now, and there s a lot about the animosity between Focquet and Colbert, and bits and pieces about the governing of France and her relations, so it can be a little tedious in spots The Musketeers are divided, and Porthos and Aramis don t even make an appearance until well over halfway through This book borrows Raoul s title, but he s not a major player, but one can clearly see he personifies a combination of our four favourite heroes so there s a strong desire for of him.But there is so much fun to be had within these 650 pages This book begins with one of d Artagnan s famous schemes, and it makes me laugh so hard It s so ridiculous, and I love it the for that Athos is still a noble example that counteracts d Artagnan s impulsiveness, and I love that this friendship is still going strong My heart pounds harder every time some of the friends are united, and the appearance of Porthos at his time made me want to hug him myself He s not given nearly enough credit, and every time I read the series I love him Aramis is still a cunning fox and I m saddened every time they lie to one another, even though they still support their friendship The younger generation that s slowly leaking into the story are actually a lot of fun, and I rather enjoy the relationship between Raoul and the Comte de Guiche You can feel the tone of the story moving into the new friendships that are being born, so there are new dynamics to play with.There s no real villain in this story Mazarin the Miser is less threatening, and Colbert is not yet important enough to be evil, though he s well on his way The King is still finding his footing, and there are others who have malicious intentions that are easily put down by one of our growing list of heroes.So to sum up, this book contains a lot politics, and French history There are a lot of new names to remember and this handy edition has a breakdown of characters at the back but there are still some fun musketeer adventures and daring deeds This specific edition, though, includes a lot of notes which bothered me a bit I didn t think it was necessary to add a note for everything that referred to something from a previous book We all remember what went down with Milady, yo.I hope people get around to reading the entire series, because you ve really gotta read how d Artagnan decides to get rid of Monk It s my favourite part of the whole book and it s hilarious Original Review 13 11 13 I love D Artagnan and his crazy adventures Some classics, you have to wade through the descriptive literature to find the threads of a story with the work of Dumas, this is rarely the case The story is so colourful that the language simply adds a greater depth and poetry that enhances, rather than hinders, the work The story itself has as much intrigue as the previous Musketeers novels, though the absence of two of the four is sorely missed for a good portion of the book There s a fair bit of travel but that s nothing unusual, and D Artagnan is as charming as ever, despite the fact he s getting on in years Bit of a weird spot to end Part I, but I will be keen to get into the next part


  3. says:

    I can t believe how much I ve been enjoying my rash of Dumas novels lately I ve read the first three D Artagnan novels in quick succession and cannot recommend them highly enough This is Volume One of the last book sometimes referred to as Ten Years Later to be followed by Louise de Valliere and The Man in the Iron Mask Of course the novel wasn t originally intended to be split in this way, so the ending tails away a little as we leave the intrigues of Athos and D Artagnan to put Charles II back on Britain s throne behind and begin the court shenanigans that will comprise volume 2, so I can understand why some will be bemused by this book, but of course unlike The Three Musketeers and Twenty Years After this isn t ever supposed to be a complete work, like reading part one of War and Peace and complaining that there wasn t a proper ending The heroes are all much world weary now, D Artagnan is bitter, Porthos is over settled, Aramis is neck deep in intrigue and Athos is intent on setting his son out into the world properly Their enemies are small and petty now, compared to Milady and Richelieu of the first book, but that s not the fault of our heroes, and of course taking out your sword to solve a problem can now cause many problems than it solves Okay can t wait to start Louise de Valliere now.


  4. says:

    Tomo mastodontico, questo libro chiude le vicende dei quattro personaggi creati da Dumas e noti collettivamente come I moschettieri.Un libro che, oltre a seguire le vicende dei quattro e del loro figlioccio Raul, offre come i precedenti uno spaccato interessantissimo delle vicende storiche dell epoca In questo caso seguiremo il giovane re Luigi XIV da quando sale al potere, alla morte del cardinale Mazzarino gi conosciuto dai lettori nel secondo volume della trilogia, fino a quando, finalmente nel pieno della propria maturit di re e del proprio potere, non diventa realmente il Re Sole passato alla storia.Le trame e la storia sono cos vaste che comprendo appieno il motivo che ha spinto talvolta a dividere in tre volumi questo libro Anche perch a parte alcuni punti di collegamento la storia del re e del soprintendente, e di parallelo i progetti di Aramis abbiamo davvero tre parti perfettamente distinte e separate tra di loro.La prima storia quasi un proseguimento dei precedenti.Abbiamo D Artagnan come indiscusso protagonista, abbiamo Athos al suo fianco anche se fino all ultimo i due agiscono in parallelo e all oscuro dei reciproci progetti Abbiamo un giovane e timido re abbandonato da D Artagnan, e un re spodestato rimesso sul trono.Il seguito porta finalmente in scena il visconte di Bragelonne, Raul, figlio di Athos.Troviamo cos la corte di Luigi XIV, con le varie fazioni di cortigiani, le regine, la famiglia reale al completo, gli amori e i complotti.D Artagnan in questo ambiente appare subito fuori dal suo terreno, e infatti il ruolo che ricopre marginale Qui entra in gioco la nuova generazione, che lascia la vecchia sullo sfondo per perdersi dietro a ricevimenti, giochi, banchetti, sguardi, baciamano e gelosie.Un ambiente all apparenza fatuo e pi pacifico delle strade e dei palazzi dei decenni precedenti, ma non per questo meno pericoloso o temibile, con la Bastiglia che sempre l incubo di ogni cortigiano.Interessante, ma pi noioso della prima parte.O della terza, che anche quella pi famosa.Il grande complotto di Aramis svelato, con il povero Porthos che come sempre, da ingenuo e leale amico quale , viene ingannato e tirato al proprio fianco da un moschettiere.In Vent anni dopo era stato D Artagnan a portarlo al proprio fianco contro i Frondisti, qui invece Aramis lo recluta senza neanche spiegargli il motivo delle sue azioni.E coinvolgendolo a sua insaputa nel tentativo di detronizzazione del re, durante il quale Dumas afferra uno dei pi grandi misteri del periodo e vi tesse intorno la leggenda della Maschera di ferro cos come stata pi e pi volte ripresa.Il complotto gesuita, l onore del soprintendente, D Artagnan che torna maestosamente alla ribalta.Ma anche l eroismo e la magnificenza di Porthos, il fato di Aramis, le conseguenze della seconda storia del libro su Raul e Athos.E alla fine, la fine dei moschettieri Invecchiati, disillusi, stanchi anche sia per l et , sia per quante ne hanno passate, sia per le perdite subite col tempo.Trovo un po troppo forzate le visioni di Athos, ma si pu passare sopra a un po di lirismo in questo caso.Alla fine una lettura avvincente, pur se enorme.Una degna conclusione a una storia che sa catturare il lettore e che ha creato delle leggende intramontabili.


  5. says:

    Acquistato anni fa sull onda emotiva suscitatami dalla lettura de I tre moschettieri, questo romanzo ha aspettato parecchio tempo prima di essere letto un po perch l ultimo volume della trilogia dei moschettieri e quindi leggerlo, per me, significava salutare i quattro valorosi cavalieri un po per la sua mole fisica, perch la sua lettura avrebbe richiesto parecchie settimane e molto spesso non avevo voglia di affrontare una lettura cos lunga e impegnativa.Quest anno, complice la nostalgia per i quattro spadaccini, ho finalmente trovato il coraggio di affrontarlo e cos ho deciso di leggerlo Il visconte di Bragelonne inizia da dove era terminato il precedente Sono passati poco pi di dieci anni da quando abbiamo lasciato i quattro amici e le loro strade si sono separate ancora Il tempo per non ha affievolito il loro legame nonostante siano ormai divisi da interessi personali non pi comuni, da sponde politiche opposte, dalla lontananza e sebbene non siano pi schietti e spontanei gli uni con gli altri, non hanno mai smesso di stimarsi e volersi bene e la loro amicizia non viene meno neanche nei momenti pi importanti della vita.Passato il periodo tumultuoso della Fronda, ci ritroviamo nei primissimi anni di regno di Luigi XIV nel periodo della presa del potere del giovane re, tra la morte di Mazzarino e la fine della reggenza materna, e la seguente costituzione e la trasformazione di uno stato sempre pi centralizzato.Proprio sullo sfondo di una societ in piena trasformazione di svolgono e terminano le ultime avventure dei quattro eroi pi famosi della letteratura mondiale I quattro amici sono ormai invecchiati, disillusi e malinconici e hanno ormai abbandonato la carriera di moschettieri per dedicarsi alle proprie passioni o al riposo e alla famiglia D Artagnan il solo ad essere ancora moschettiere, l unico che ha fatto carriera tanto da diventare capitano della guardia reale Tra il ripristino di re decaduti, intrighi politici e amorosi, maldicenze di corte, la caduta e l ascesa al posto di sovraintendente delle finanze, e l ormai famosa vicenda della maschera di ferro, seguiamo l ascesa al trono del famosissimo sovrano francese e le ultime vicende dei quattro moschettieri.Dumas si rivela ancora una volta un autore capace di trasformare e plasmare la storia con la S maiuscola a proprio piacimento per regalare ai lettori dei romanzi appassionanti e coinvolgenti dalla prima all ultima pagina In queste quasi 1300 pagine l autore francese prende per mano il lettore e lo conduce nella Parigi della met 1600, tra gli sfarzi della corte del re Sole Con uno stile ironico, sagace e una trama ricca di colpi di scena, l autore francese compie un mirabile, stupendo e dettagliatissimo affresco storico della corte ci si ritrova cos tra balli, feste, passeggiate nei boschi, lettere perse, amori traditi, gelosie, invidie, manovre di corte In questo romanzo dalla lunghezza enciclopedica, Dumas abbandona le avventure e i duelli rocamboleschi per lasciare spazio agli intrighi e agli amori di corte quest ultimi occupano gran parte del romanzo e prendono il sopravvento a scapito dell azione, che tanto mi avevano appassionata nella lettura dei primi due libri, rendendo spesso il romanzo un po noioso e lento La penna di Dumas si rivela eccelsa soprattutto nella costruzione dei dialoghi, che sono coinvolgenti, divertenti e fanno ridere i gustosi siparietti tra la Montalais e Malincorne mi hanno fatto ridere tantissimo oppure commuovono e nella caratterizzazione dei personaggi inventati o realmente esistiti, tratteggiati in maniera impareggiabile, delineati splendidamente nelle loro passioni e nei moti dell animo, nei loro turbamenti e nelle emozioni pi profonde, tanto da farci provare la sensazione di conoscerli da tempo Il romanzo pieno di personaggi ritroviamo i vecchi e ne conosciamo di nuovi, per i quali impossibile non provare antipatie o simpatie Nonostante il romanzo porti il suo nome, il visconte Raul di Bragelonne non il vero protagonista del romanzo e neanche i quattro moschettieri lo sono, ma la protagonista assoluta sicuramente la corte di Francia nel suo complesso I quattro amici sono meno scanzonati, pi malinconici e disincantati, ma sono sempre pronti a gettarsi nella mischia e a compiere il loro dovere Le loro vite continuano ad intrecciarsi con quelle di storici personaggi Tutti cominciano a sentire il peso dell et , ma la forza e l audacia non gli abbandona neanche ora che sono un po attempati Dumas riesce a mantenere i difetti e alcune qualit che hanno caratterizzato i quattro spadaccini sin dall inizio del ciclo, magari accentuando alcuni lati del carattere di ognuno e permettendoci di conoscerli pi a fondo L erculeo Porthos sempre allegro, generoso, buono, coraggioso, leale, con una gran voglia di vivere e godersi la vita Rimasto l ingenuo di un tempo, grazie ad un buon matrimonio diventato un signorotto di provincia che trascorre il tempo tra la caccia e dei gustosi banchetti Athos, da sempre il pi riflessivo, lacerato ed inquieto dei quattro e se posso aggiungere, secondo me il pi affascinante , si ormai ritirato da tempo nei suoi possedimenti nella regione della Loira Ancora legato alle tradizioni e ai principi della vecchia nobilt dell epoca, che ormai appare desueta e lontana anni luce da quella in ascesa, la sua unica occupazione ormai quella di dedicarsi alle proprie terre e fare il padre di famiglia, rivelandosi un genitore molto affettuoso che soffre per il figlio Raul, e per difenderlo rischia quasi di essere arrestato Raul, il figlio di Athos, per lo pi un personaggio secondario nel romanzo appare raramente quando, invece, mi sarei aspettata di vederlo protagonista nonostante il romanzo porti il suo nome l eroe romantico per antonomasia poich coltiva un a osteggiato dal padre educato secondo i vecchi principi, incapace di trovare dentro di s la forza giusta per adattarsi alla nuova societ che lo circonda Portatore di un a puro e purtroppo tradito dall oggetto di questo ma troppo debole e ingenuo, alla fine, per , si rivela essere il protagonista morale del romanzo poich molto di quello che accade lo vede indirettamente protagonista e anche per le conseguenze che le sue azioni hanno sui comportamenti di altri personaggi.Il cinico e sicuro di s Aramis, l unico che in questi anni trascorsi sembra non essersi mai fermato Diventato vescovo di Vannes, ha sviluppato tutto il suo talento per la politica e l astuzia Nonostante le sue continue dichiarazioni di amicizia, che spesso suonano un po false, si trasforma a poco a poco in un intrigante doppiogiochista Sempre pi ambizioso e furbo, si ritrova risucchiato in un irrefrenabile vortice di potere e cupidigia tanto da cospirare per rovesciare la monarchia proprio grazie a lui che dobbiamo la famosa vicenda della maschera di ferro trasposta in vari film un uomo detenuto dall identit sconosciuta, che nel romanzo si rivela essere nientemeno che il fratello gemello del Re, condannato a vivere nascosto e con una maschera sul viso per celare la sua identit e l incredibile somiglianza con Luigi, del quale pu insidiare il potere.L ultimo moschettiere che rimane D Artagnan, che pu essere quasi definito il personaggio principale di questo romanzo Il simpatico guascone non pi l uomo spavaldo e coraggioso del primo libro il capitano del corpo dei moschettieri e serve, ancora fedelmente, il nuovo giovane re anche se spesso si ritrover in contrasto con quest ultimo Grazie alla sua fedelt e schiettezza diventa un uomo di fiducia del monarca e per questo, ad un certo punto, si ritrover a scegliere fra il sovrano e gli amici di sempre Ancora una volta si rivela un uomo audace, appassionato, divertente, schietto, sincero, leale, astuto, sempre pieno di iniziative mi piaciuta la sua dedizione, la sua grinta, il suo coraggio e la sua intelligenza che non smetter mai di stupirmi L invincibile D Artagnan, l eroe senza macchia e senza paura, ormai invecchiato e disilluso dalla politica e dalla monarchia proprio nelle ultimissime pagine riuscir a realizzare il sogno che ha inseguito per quarant anni.Gli uomini come i quattro moschettieri, simboli della cavalleria e della nobilt d animo, sono ormai solo un intralcio in una societ priva di nobili qualit dove conta di pi la superficialit , l egoismo e la falsit Degno rappresentante di questa societ arrivista e frivola, e della nuova generazione che avanza, il re Luigi XIV Mi permetto di aprire una parentesi Devo ammettere che, fin da quando l ho studiato a scuola la prima volta, a me il Re Sole sempre stato parecchio antipatico e confermo che, anche dopo aver letto questo libro, la mia idea su di lui non cambiata neanche di un millimetro Chiusa parentesi Spesso ho trovato il re Sole una marionetta nelle mani degli altri, a volte un po arrogante, falso e traditore, altre un po sprovveduto sempre in bilico tra capriccio, regalit e voglia di essere un buon re e, dall altro lato, il desiderio di essere un ragazzo come gli altri che pu amare ed essere amato Luigi innamorato ricambiato o s incapriccia di Luisa de La Valli re, gi fidanzata e promessa sposa di Raul, che si atteggia a ragazza pura, onesta e sincera, ma che invece non esita a tradire il fidanzato lontano, rivelandosi una bambina ipocrita e confusa Il loro corteggiamento, la loro storia d a effimera occupa pagine e pagine del romanzo, rallentando parecchio la lettura Il visconte di Bragelonne un romanzo ricco di avventure ed episodi storici Pi eterogeneo e articolato nella struttura narrativa rispetto ai due precedenti, e anche quello dove il ritmo narrativo rallenta in maniera pi sensibile Punto di forza del romanzo sicuramente la trama Dumas riesce sempre in maniera esemplare a costruire un racconto avvincente, ricco di colpi di scena, d intrecci, di vicende e personaggi che accompagnano il lettore dalla prima all ultima pagina Vengono descritte con maestria i paesaggi e le battaglie la narrazione sicuramente pi matura pi complesso nella psicologia dei personaggi, tratteggiati con maestria, dove si approfondisce maggiormente il loro carattere tanto da far provare al lettore la sensazione di essere al loro fianco Il visconte di Bragelonne offre una panoramica a 360 gradi del tempo di Luigi XIV, tanto da farci provare la sensazione di poter vivere i fasti di quel periodo ti regala un insieme di sensazioni ti fa gioire, rabbrividire, ridere, emozionare, esaltare, sospirare.Maestro indiscusso del romanzo storico, il grande autore francese non si dimentica di tenere viva l attenzione sui complotti, che sfoceranno nella parte migliore e pi interessante del libro quella della maschera di ferro e delle sue conseguenze ben lontano dalle rappresentazioni cinematografiche , che arriva molto avanti nel racconto e ti lascia addosso una sensazione di tristezza per la sorte del povero Filippo Un opera in cui si intrecciano vari generi dal drammatico alla commedia, dal mistero al poliziesco, da quello storico al quello d a al suo interno troviamo intrighi, tradimenti, segreti, gelosie, invidie, civetterie, amori, duelli, battaglie, avventure, odio, paura, coraggio, ma soprattutto non mancano l amicizia, la lealt e il rispetto che sono tre elementi che hanno contrassegnato tutti e tre i libri del ciclo, di cui questo sicuramente il pi debole, secondo me.Un romanzo imponente in cui ritroviamo lo stile sapiente, la consueta ironia, le battute, i colpi ad effetto e l eleganza, che mi piacciono tanto tipiche del grande scrittore francese possiede dialoghi interminabili e spesso ripetitivi, meno ritmo e azione a volte dispersivo, prolisso, tedioso, pi difficile da seguire, abbastanza scorrevole ma sovente la lettura procede tra alti e bassi, insomma non riuscito a tenermi incollata alle pagine come i precedenti Non mancano momenti coinvolgenti, divertenti, emozionanti e commoventi, soprattutto verso le pagine finali, quando il lettore capisce che sta per assistere alla fine di questi quattro spadaccini, che ormai sente come degli amici di vecchia data.Quando si giunge ai capitoli finali un velo di malinconia, di nostalgia, di amarezza, tristezza e commozione, cala sulle pagine del romanzo, poich il lettore sente avvicinarsi l inevitabile fine della grande avventura di quattro uomini pieni di ambizioni e ideali, vittime anche loro della legge del contrappasso Il visconte di Bragelonne l ultima parte di un viaggio iniziato, partendo dalla Guascogna, al fianco di D Artagnan in groppa ad un cavallo arancione con una lettera di raccomandazione in mano Un libro irrinunciabile per coloro che vogliono sapere come finisce la storia dei quattro amici moschettieri che, alla fine, si rivelano non eroi, ma semplici esseri umani.3,5 4 Dei quattro valorosi, di cui abbiamo narrato la storia, non restava che un corpo solo Dio aveva ripreso le anime.


  6. says:

    Great addition to Three Musketeers Series Can t wait to get on to the next, but I must Thought it was amusing that the title s namesake didn t really appear much in the book until the end And it was actually quite a cliffhanger at the end there I like the characters even as they age They re all in their late 50 s now I like their mature selves and the mature reflections they make I love this description of D Artagnan at this period of his life He had all the passions, all the defects, all the weaknesses, and a constitutional spirit of contradiction which changed all these imperfections into corresponding qualities D Artagnan, thanks to his ever active imagination, was afraid of a shadow, and ashamed of being afraid, he marched straight up to that shadow, and then became extravagant in his bravery, if the danger proved to be real Thus everything in him was emotion, and therefore enjoyment He loved the company of others, but never became tired of his own and than once, if he could have heard when he was alone, he might have been seen laughing at the jokes he told to himself, or the tricks his imagination created 161 As this series progresses the themes and writing becomes richer and threaded with meaning Still, not altogether altering but worth reading and appreciatind and reveling in Some nice quotes Avarice dries up the heart, and prodigality drowns it 255 Debts terrify me Creditors appear to me, by anticipation, like those devils who turn the damned on spits, and as patience is not my dominant virtue, I am always tempted to thrash them 283 Sinners are always so forgetful beforehand, and so scrupulous when it is too late Priest to Cardinal Mazarin on his deathbed, 314 Incredulity thou are the pest of all great minds 397 To be thanked for having done one s duty is humiliating 402 Dumas often laments the passing of the real men in this novel Here are some of his thoughts the time had passed when nobles fought duels but that the feeling of hatred treasured up in the mind, instead of being diffused abroad, was still hatred all the same that a smile was sometimes as full of meaning as a threat and, in a word, that to the fathers who had hated with their hearts and fought with their arms, would now succeed sons, who would indeed hate with their hearts, but would no longer combat their enemies save by means of intrigue or treachery 578 And finally The Queen Mother to her 2nd son Never tyrranize over a wife never behave too haughtily or imperiously toward her A woman unwillingly convinced is unconvinced.


  7. says:

    I finished it It took me longer to complete this book than it did War and Peace I should reconsider my obsessive compulsion toward unabridged literature and my inability to accept a blemish on my record of consecutive completed reads This book just dragged on and on and on and on andAs the third installment of the d Artagnan Romances, this book serves as a transition from the notorious three musketeers and their Gascon friend to the lives of other French and English characters youth usurping inevitable age and power subverting nobility We get a mere glimpse of Porthos and Aramis, a small portion of Athos in order to indulge his iron clad honor and still only a bit of d Artagnan who reaches the age of retirement and moves his focus from reckless gallivanting and adventure for material comforts which compromise his character Our friends simply serve to contrast the new kids on the block, to show the reader a transitioning world through politics and the integrity of a culture.I did not find the story bad I found the tedious nature of its telling nearly unbearable As a serialized story bound together in, not one, but three novels, I have to scold the publishing world for trapping a novel readers mind, habits and expectations in a story with no arc It just keeps going The novel form does not fully captivate this story Would one staple all the scripts in one TV show season together and release it as a novel It felt like sitting on a bench watching the people walk by At first, you absorb yourself in the drama between the first passing couple But then you try and care about the grimy homeless guy who followed while still thinking about the drama between the couple Then the studious girl after him just frustrates you and you want to go home.I liked the story I found its telling nearly unbearable I will wait a while before starting Louise de La Valliere which I will eventually read only because of my obsessive compulsion to finish the series and my general inability to leave a literary investment unsatisfied.


  8. says:

    3 stars I was a bit surprised to have the book end as I still had several CDs of the audiobook to go This discrepancy is annoying but understandable as both the book and the audiobook are just the first part of the book Dumas originally wrote as the final novel of the d Artagnan trilogy This last book was so enormous that it is almost always divided into 3, 4, or even 5 separate volumes I am reading the Project Gutenberg Kindle editions which are using the 4 volume division although there was a nice little note showing where the book would have ended in a 5 volume split I thought that the audiobook I was listening to was also from a 4 volume split but perhaps it was from a 3 volume split instead.I found sections of this volume very interesting such as the parts about General Monk but some of it was rather too long winded even for me Despite the title, the main character of this is our friend d Artagnan Porthos and Aramis don t appear until quite close to the end Chapter 70 or so , which was a bit disappointing Athos was present for much of the story although view spoiler he and d Artagnan were working at cross purposes for a while hide spoiler


  9. says:

    Se da una parte il mio cuore vorrebbe dare le cinque stelline piene a questo romanzo perch un opera che riuscita a far piangere una persona che non si commuove facilmente e non ha mai e sottolineo, mai pianto per un libro merita il massimo a prescindere , dall altra la mia coscienza e l oggettivit mi impongono altre scelte.Dumas, in fondo, uno scrittore di romanzi d appendice, che sa benissimo che il guadagno viene da quante righe scrive e da quanti capitoli la sua mente riesce a partorire sa perfettamente che deve accontentare i gusti di pi persone possibili ed conscio che ci sono tecniche narrative a cui un certo tipo di autore deve sottostare Per esempio, sa che il lettore non pu ricordare tutti i passaggi che hanno portato l azione a svolgersi in un determinato modo, quindi costretto a ricordare pi volte le stesse cose, possibilmente allungando il brodo, per i motivi suddetti.Se queste caratteristiche le abbiamo viste pian piano svilupparsi nei primi due libri, in questo volume, esse raggiungono il massimo sviluppo, dispiegando la storia in quasi 300 capitoli Per conciliare i gusti di tutti, inoltre, l autore ha abbandonato le imprese eroiche e le battaglie, relegandole a pochi, ma bellissimi capitoli, e dedicandosi per lo pi agli intrighi politici e agli amori per lo pi poco casti della corte, che occupano invece buona parte del romanzo Ne viene fuori un quadro interessante della societ e della politica dell epoca, ma che pu risultare un po noioso per chi predilige l azione alle smancerie delle dame di corte e la sottoscritta ne un esempio La narrazione comunque fluida, i personaggi sono delineati splendidamente e l autore non si dimentica mai di tener viva l attenzione sui complotti che poi sfoceranno nella parte migliore del romanzo, quella dedicata alla maschera di ferro e alle sue conseguenze Si arriva quindi al finale cento pagine o poco pi in cui, dopo oltre tremila pagine totali di avventure e quasi quarant anni di servizio, i nostri quattro amici ci lasciano in un finale bello, bellissimo, delicato ma forte, struggente e fiero, che merita, da solo, la lettura di scene d a quasi da diabete e descrizioni di feste meravigliose, ma comunque noiose per un lettore moderno E Bragelonne , mi chieder qualcuno Probabilmente l idea di dedicare il titolo di questo romanzo al figlio di Athos lascia molto perplessi, visto che poi il visconte non appare che raramente eppure, io sono del parere che sia stata la scelta pi giusta non solo il povero Raul , alla fine, il protagonista morale del romanzo visto che molto di quel che accade lo vede indirettamente protagonista , ma soprattutto per le conseguenze che le sue azioni e quelle di coloro che gli stanno intorno hanno Del resto, a parte Dieci anni pi tardi , che la seconda parte del titolo, di cui molti si dimenticano, un altro titolo, per quest opera immane, io non riuscirei a trovarlo.


  10. says:

    Although this book is titled Vicomte de Bragelonne, there is very little about Raoul There is a chapter of two in the beginning, a couple in the middle and a few at the end, all the plot in between has nothing to do with him In fact, with the exception of D artagnan, there isn t much about any of the musketeers Athos gets the most attention Porthos and Aramis don t get any significant attention until about 2 3rds of the way through the book In spite of this, I thoroughly enjoyed the book Its hard to not enjoy a good musketeer story Dumas hasn t fallen an inch from the literary pedestal I ve put him on.